Home
NUOVI ARRIVI
Access Modding
Neon, Led, Lights, etc
Rheobus, FanControll, Cardreader, etc
Molex, Sleeve, Raccoglicavi, etc
Alimentatori
Celle di Peltier
Case
Cavi
Dissipatori Chip
Dissipatori CPU
Pasta termocond.
Ventole
Griglie, filtri, viti, etc
 
 
Listino completo
Out Of Stock
Articoli
Download
Links


Vieni a trovarci al nostro negozio:
Via Mantellini 32 a ROMA
Orari: Lun-Ven 16-19

updating...


Clicca qui per sapere come unire gli ordini!

 

Come overcloccare una CPU

Come è mai possibile che un sito come il nostro non contenga una guida all'overclock delle CPU?? mah, ce lo siamo chiesti anche noi e quindi abbiamo deciso di fare questo articolo! :-)

Beh, non intendo spiegare il significato della parola overclock, la sua conoscenza il minimo che viene richiesto ad uno che visita www.overclockmania.net ;-))) Tuttavia, al contrario di quel che può sembrare le vie per portare a termine un overclock sono svariate e sono poche portano ad un overclock stabile. Partiamo con la distinzione tra le due grandi marche di CPU che attualmente la fanno da padrone sul mercato: INTEL ed AMD.

Overclock di un AMD Athlon Thunderbird o Duron. Esistono due modi per aumentare la frequenza operativa della CPU: alzare la frequenza del bus di sistema (FSB = Front Side Bus) oppure variare il cosiddetto "moltiplicatore". La frequenza della cpu è determinata infatti dal prodotto [FSB Mhz] * [moltiplicatore]. La frequenza del FSB per le CPU AMD può essere di 200 o 266Mhz DDR (Double Data Rate, in pratica 100*2Mhz o 133*2Mhz) a seconda del chipset utilizzato dalla scheda madre, Nel primo caso il bus di sistema si può alzare fino a frequenze di circa 110-115Mhz senza compromettere la stabilità del chipset, nel secondo invece si arriva tranquillamente a 150-155Mhz. Il problema nell'alzare il bus i sistema è che contemporaneamente a questo si alzano anche i bus delle schede PCI e AGP, nonché la frequenza di lavoro della RAM. E' possibile che oltre certe frequenze di FSB alcune schede PCI, la scheda video oppure la RAM non ce la facciano a reggere rendendo instabile il sistema o non consentendo addirittura di fare il POST (Power On Self Test). Allora, se si vuole alzare ancora di più la frequenza della propria CPU è necessario variare il moltiplicatore. Se la scheda lo consente (di solito tutte le Abit/Asus/Iwill e altre lo permettono) si può variare attraverso le apposite opzioni del BIOS o per mezzo di alcuno Jumper o DipSwitch sulla scheda stessa. Se noi proviamo a fare tale modifica tuttavia non riusciremo ad ottenere fattori di moltiplicazione diversi da quello standard. Questo accade perché in fase di costruzione ai processori AMD viene bloccato il moltiplicatore. Poco male, AMD non è stata così cattiva come la rivale Intel ed ha lasciato aperta una backdoor (un piccolo trucchetto) per poter variare il moltiplicatore. Osservando la CPU infatti si osserva che sul supporto grigio attorno al core (parte in rilievo) oltre a diversi componenti saldati ci sono sette serie di ponticelli (L1, L2, ...L7). Osservando da vicino si nota che alcuni elementi di queste serie di collegamenti hanno una specie di incisione nel loro mezzo, praticamente un taglio della giunzione dorata che impedisce il passaggio di corrente. In particolare si nota che TUTTI i ponticelli L1 sono scollegati, e sono proprio questi che rendono impossibile la variazione del moltiplicatore. Per unirli basta utilizzare una comune matita di tipo HB (ricordiamo che la grafite conduce l'elettricità), e collegare a due a due (come mostrato in figura) gli otto puntini (per un totale di 4 collegamenti). Qualora anche dopo questa operazione il moltiplicatore non si dovesse sbloccare significa che la grafite non è stata stesa bene. Si consiglia quindi di procedere a unire i collegamenti con della vernice all'argento (che si trova in tutti i negozi di elettronica), magari dopo aver pulito bene l'area interessata con dell'acetone, per togliere eventuali residui di matita o comunque di materiale che possa inibire il passaggio di corrente. A questo punto la vostra CPU Amd DEVE essersi sbloccata! Non esistono infatti CPU che non si riescano a sbloccare! Fatto questo si può provare ad alzare la frequenza della cpu agendo sui de fattori finora descritti. Oltre un certo step di frequenza tuttavia può essere necessario procedere ad aumentare il voltaggio che viene erogato al processore dalla scheda madre (di default 1,6V per gli ultimi Duron, e 1,75V per gli Athlon Thunderbird). Ovviamente alzando il voltaggio fornito alla CPU il calore dissipato dalla stessa aumenta e di conseguenza è necessario adottare dissipatori più performanti ...se non fosse così noi cosa staremmo qui a fare?? ;)

Overclock di un processore Intel Pentium III o Celeron. L'overclock di queste cpu non è agevole come quello delle CPU AMD, per un semplice motivo: il moltiplicatore di tutti i processori Intel (dal P200 in poi) è bloccato! Questo vuol dire che l'unico modo per innalzare la frequenza della CPU è variare il FSB, con i conseguenti problemi elencati prima. Se qualcuno vi dice che bisogna tagliare piedini, coprire piedini, forare la CPU e cose del genere per sbloccare il moltiplicatore non dategli retta, le cpu Intel hanno il moltiplicatore bloccato, e questa protezione non è aggirabile! Generalmente è preferibile utilizzare una CPU con bus nativo a 100Mhz per l'overclock, in quanto, montandola su schede madri che arrivano a 133 è possibile aumentare il bus (se si è fortunati) fino a tale frequenza senza mandare fuori specifica le periferiche PCI e AGP. Partendo da CPU con FSB a 133 (siglate EB) è necessario lavorare con le periferiche fuori specifica se si vuole overcloccare, e spesso alcune periferiche si rifiutano di funzionare quando si sale oltre i 160Mhz di bus (per i quali serve, oltretutto, avere dell'ottima RAM come ad esempio quella marchiata Mushkin).

Gianluca.

 

 

 
Le informazioni contenute in questa pagina possono essere modificate senza alcun preavviso. Zeta Byte Italia SRL non è responsabile in alcun modo di errori presenti in queste informazioni
2001-2003 Copyright di ZetabyteItalia SRL ...more info